* FORMAKERS

* Company:

FORMAKERS

* I'm also a:

Owner/principal

Description:

FORMAKERS will take advantage of the "digital fabrication REvolution". We publish projects of urban design/ architectural research/ fashion design/ 3d print/ parametric design / architecture model /photography and much more.FORMAKERS invites architects, designers, artists, students, scientists and individuals of all backgrounds to explore, research and investigate new design paradigms and urban visions.







27SEP 2014

FM Interviews / Arturo Tedeschi

Posted in Video / Interviews - Video / Interviews by * FORMAKERS

1- IT: CHI E' ARTURO TEDESCHI ? Credo che la definizione computational designer sintetizzi efficacemente la mia attività attuale, una sorta di fase 2.0 della mia carriera di architetto che mi ha portato negli ultimi anni ad operare in ambiti disciplinari differenti e, spesso, apparentemente distanti da quello della progettazione architettonica. Mi occupo essenzialmente di ricerca e sperimentazione di tecniche e tecnologie digitali innovative con l'obiettivo di indagare nuove strategie progettuali. E' un percorso che per sua stessa natura impone una visione olistica e si declina in differenti traiettorie professionali che spaziano dalla didattica al consulting./////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// 1- EN: WHO IS ARTURO TEDESCHI? The best definition that describes my current activity is "Computational Designer", a sort of 2.0 phase of my career that gave me the opportunity to explore different territories and disciplines, often widely divergent from the architectural design as we know it. Currently I'm leading an independent research on digital and innovative techniques with the aim to investigate new project strategies. Such approach obliges an holistic vision and comprises different work trajectories ranging from didactics to consulting.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
2- IT: TU TI OCCUPI DI PROGETTAZIONE AVANZATA MEDIANTE L'USO DI PROGRAMMI PARAMETRICI COME RHINOCEROS, GRASSHOPPER.CI PUOI PARLARE DEL RAPPORTO TRA I SOFTWARE PARAMETRICI, IL DISEGNO PARAMETRICO, IL PROCESSO DIGITALE E LA FABBRICAZIONE DIGITALE? CHE COSA SONO E COME VENGONO APPLICATI? I software parametrici come Grasshopper non sono semplici strumenti di supporto alla progettazione - come i CAD, i BIM o i modellatori 3D - ma sistemi innovativi che consentono un'inedita esplorazione formale unita ad una gestione della complessità senza precedenti. Modificare la posizione di un pilastro con conseguente ridefinizione dell’intero modello tridimensionale di un edificio è oggi possibile. Così come risulta possibile fissare una serie di regole e vincoli per poi esplorare le soluzioni ottimali per risolvere uno specifico problema, giungendo a risultati a volte inattesi. Il designer dispone, oggi, di un vasto set di applicativi e plug-in che costituisce una piattaforma potente e flessibile per controllare tutti gli aspetti del progetto (dall’analisi ambientale agli approfondimenti strutturali) supportata da una logica di tipo associativo, dove la variazione dei parametri in gioco può modificare a cascata l'intero processo, costituito da componenti interconnessi. Tale approccio rappresenta un netto superamento della progettazione tradizionale, basato sulla logica del feedback dove ogni approfondimento tecnico comporta una modifica “onerosa” delle impostazioni iniziali. Grasshopper (plugin di Rhinoceros), in particolare, traduce la logica associativa alla base del suo funzionamento mediante un diagramma a nodi (algoritmo): un tipo di interfaccia del tutto inedito per un designer, ma che al tempo stesso offre il controllo profondo delle variazioni formali e la possibilità di tenere traccia di tutti i passaggi logici eseguiti durante il progetto, dalle variabili iniziali all’output finale. La progettazione sviluppata attraverso i software parametrici diventa, pertanto, un “disegno di regole” piuttosto che una semplice definizione di geometrie. All’interno di questo sistema la generazione di dettagli costruttivi e degli elaborati finalizzati alla produzione non è più un’operazione a posteriori, ma diventa parte integrante della sequenza algoritmica e, pertanto, la modifica di un parametro iniziale è in grado di agire come principio di propagazione di modifiche, che può giungere alla modifica di dettagli di natura costruttiva, a scala inferiore. Nell’ambito di questo nuovo paradigma la “gestione della complessità” non è più a carico del designer, ma è delegata alle regole associative sviluppate all’interno dell’algoritmo, regole che agiscono come sistema di scomposizione del modello in elementi più semplici, direttamente interpretabili dalle macchine a controllo numerico utilizzate nella fasi di fabbricazione.///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////> 2- EN: YOU WORK IN THE FIELD, OF THE ADVANCED DESIGN,USING PROGRAMS AS PARAMETRIC RHINOCEROS, GRASSHOPPER. CAN YOU EXPLAIN THE RELATIONSHIP BETWEEN PARAMETRIC SOFTWARE, PARAMETRIC DESIGN, PROCESS AND THE DIGITAL FABRICATION ? WHAT ARE AND HOW ARE THEY APPLIED? Parametric software, like Grasshopper, are not just a tool to aid design tasks - like CAD, BIM and 3D modeler - but innovative systems that allow designers to explore new shapes together with the ability to organize and control complexity. Today it's possible to modify the position of a column and get the overall reconfiguration of a building-3d-model. As well it's possible to define a series of constraints and rules and investigate all the possible alternatives for a specific design issue within the boundaries we set.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
Often this approach lead us to unexpected solutions. Designers can use software and plug-ins that form a robust and versatile platform able to control the wide range of topics related to a specific project (from environmental analysis to structural details). This platform is supported by an associative logic where the variation of a single parameter can modify the overall process constitute by interconnected components. Such new paradigm overcomes the traditional design approach based on a feedback-logic where every changing in a detailed scale often implies a tricky reconfiguration of large-scale choices. In particular Grasshopper (Rhinoceros plug-in) translates its associative logic in a knot-based diagram: an unusual kind of interface for a designer that provides, at the same time, the ability to control variations and record the history of operations executed from first input to the final output. The design supported by parametric software could be considered as a "design of rules" rather than a simple definition and addiction of geometries. Within this logic a project detail (technical, fabrication, etc) becomes an embedded part of the algorithm where the variation of every parameter starts a bottom-up or top-down sequence of modifications. In this new scenario, the control of complexity is given to the algorithm that free designers from ordinary tasks. The algorithm deal with the discretization of complex models and the output is also readable by CNC machines for the fabrication stage. /////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////> 3- IT: QUAL E' STATO IL TUO RAPPORTO CON L'AMBIENTE ACCADEMICO ITALIANO E IN CHE MODO SEI ARRIVATO AD OCCUPARTI DI RICERCA? INSOMMA, COME NASCE LA TUA PASSIONE PER L'ARCHITETTURA PARAMETRICA? La mia attività divulgativa mi ha portato in diverse occasioni a contatto con l'Università pur non appartenendo ad alcun ambiente accademico italiano. La mia ricerca nel campo della progettazione parametrica e, più in generale, sul rapporto tra architettura e nuove tecnologie digitali è nata in modo autonomo e indipendente e - perlomeno nella fase iniziale - contestualmente all’attività professionale. E’ iniziato tutto nel 2009 durante un viaggio a Londra. Nel tragitto tra Oxford Street ed il British Museum mi trovai di fronte all’AA Summer Pavilion realizzato da Danecia Sibingo, promettente studentessa dell’Architectural Association. Fu come entrare in risonanza con un intero universo di possibilità, sconosciute e allo stesso tempo familiari.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
Quell’oggetto fu una chiara visione di una strada che cercavo da tempo e che ambiva a coniugare ricerca formale, matematica, tecnologia avanzata, espressione personale. Dopo un anno di studio ho pubblicato il mio primo libro sulla progettazione parametrica che ha rappresentato il punto di partenza della mia esperienza didattica e stimolo per nuove attività di ricerca. E' seguita una breve collaborazione con lo studio Zaha Hadid Architects, la co-direzione della Rome Visiting School per la AA di Londra ed una serie di sperimentazioni a diversa scala, fino a giungere all’attività di consulenza nel campo del computational design./////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////> 3- EN: WHAT HAS BEEN YOUR RELATIONSHIP WITH THE ITALIAN ACADEMIC ENVIRONMENT AND HOW DID YOU START DEALING WITH RESEARCH? IN SHORT, HOW YOUR PASSION FOR PARAMETRIC ARCHITECTURE BORN?Teaching gave me the opportunity to join several schools in Italy and abroad, but my research in the field of parametric architecture (focused, in general, on relationships between architecture and new digital technologies) started -and is led- in an independent way. At the beginning, research and profession (as an architect) walked together. My interested in parametric design started in London, in 2009. Walking from Oxford Street to the British Museum I ran into the AA Summer Pavilion designed by Danecia Sibingo, a very talented young student from the Architectural Association School. That structure showed me an unknown way that, in the same time, I was looking for: the ambition to combine research on complex shapes, mathematics, advanced technologies and my personal vision of architecture. After one year I published my first book on parametric design, first step of my didactic experience. Later I joined the Zaha Hadid Architects office for a brief collaboration followed by the co-direction of the AA Rome Visiting School and by a series of projects at different scale. Recently I ran a consulting activity focused on computational design services.////////////////////////////////////////////> 4- IT: NEI TUOI LAVORI DOV'E' IL LIMITE TRA ARCHITETTURA E TECNICA DIGITALE? La mia formazione accademica e le prime esperienza professionali hanno favorito un mio contatto con la dimensione pragmatica dell'architettura ed una marcata distanza dal mondo della produzione di immagini digitali. Con una battuta posso affermare che i miei progetti sono sempre stati sviluppati all'interno del "campo gravitazionale terrestre", che resta a mio avviso l'elemento discriminante tra architettura e tecnica digitale. Posso riportare, come esempio, l'installazione NU:S (realizzata a Roma, all'interno del Chiostro del Bramante), un progetto che seppur svincolato da un rigido programma funzionale, e concepito come sperimentazione degli strumenti digitali, ha tenuto conto della sua dimensione materica sin dalle fasi iniziali: esprimere leggerezza e trasparenza con una struttura che superava le 2 tonnellate di peso è stata una sfida essenzialmente architettonica, ma supportata dalle tecniche digitali.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
4- EN: IN YOUR WORK WHERE DOES THE BOUNDARY BETWEEN ARCHITECTURE AND DIGITAL ENGINEERING START? My studies and my early work-experiences encouraged a pragmatic vision in architecture and a wide distance from the digital realm. I can ironically says that my project have always been designed within the "earth gravity field" that represent, in my opinion, the actual difference between architecture and digital simulations. As an example, the NU:S installation (that I designed and built in Rome, at the Cloister of Bramante), a project that even if not forced by rigid constraints took into account its material dimension since the earlier stage of design. Getting lightness and transparency by a 2 tons-structures has been essentially an architecture challenge, even if supported by digital tools. /////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////> 5- IT: C'E' MOLTO INTERESSE PER LA BIOARCHITETTURA ED I BIOMATERIALI.IN CHE MODO SI POTRA' IN FUTURO LEGARE LA BIOMIMETICA CIOè I PROCESSI BIOLOGICI AI PROCESSI DIGITALI? E' chiaramente un terreno molto affascinante. Per il futuro ci sono grandi aspettative. Il passato recente ha invece mostrato, in molti casi, semplificazioni e riduzioni ingenue. La possibilità offerta da molti software di simulare i processi naturali ha portato a risultati semplicistici o sterili nella trasposizione di principi operanti a scala diversa, come avviene proprio nel passaggio dal mondo naturale (in alcuni casi microscopico) a quello del design e dell'architettura costruita. L'elemento discriminante è, ancora una volta, la gravità. Alcuni principi di aggregazione presenti ad una scala microscopica per la quale sono trascurabili gli effetti gravitazionali si svuotano di ogni contenuto se amplificati alla scala architettonica, dove risultano non soltanto ingenui, ma addirittura viziosi. La strategia del form finding ha ancora molto da insegnare in termini di rigore e precisione. Con la AA di Londra ne abbiamo indagato e reinterpretato i risultati nell'ambito del workshop "Form as Unknown (X)" che ho diretto insieme a Lorenzo Vianello nell'ottobre 2012. Il form finding, com'è noto, è un metodo orientato a "trovare" un'ottimale configurazione spaziale tale da consentire il minor impiego di materiale per un determinato sistema di forze e vincoli ("what the material wants to be").

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
E' una strategia che persegue un obiettivo di "economia" effettiva e misurabile. Un ulteriore indirizzo di ricerca recente potenzialmente proficuo è quello legato allo studio di materiali intelligenti. Penso al lavoro di Neri Oxman che immagina e realizza oggetti (Beast chair, ad esempio) in grado di reagire come oggetti viventi: "Imagine a chair that moves when you move, that adjusts to every muscle in your body, that responds like a living organism...a chair kind of like a really excellent lover". Queste prospettive e complessità impongono, ovviamente, un rinnovamento profondo nell'insegnamento dell'architettura e del disegno industriale. //////////////////////////////////////> 5- EN: THERE IS A BIG INTEREST IN THE BIO-ARCHITECTURE AND IN BIOMATERIALS. IN WHICH WAY COULD IN THE FUTURE BIOMIMETICS BE LINKED TO DIGITAL PROCESSES?It's a very challenging field and we have enormous expectations, although the past showed simplifications and naife approaches. The ability to simulate natural processes - recently increased by digital tools - led designers to un-rigorous results in the implementation of principles operating at different scale. This always happens in the transition from natural world (especially at microscopic scale) to architecture. The difference is, once again, the "gravity". Many aggregation processes that we can see at microscopic scale (where gravity is not relevant) becomes completely ineffectual and risky when they are amplified to the architectural scale. Form finding strategies has still so much to teach in terms of precision and exactness. With the AA School we investigate and re-proposed form finding techniques within the international workshop "Form as Unknown (X)" that I've co-directed with Lorenzo Vianello in october 2012.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
Form finding techniques aim to "find" the proper spatial configuration in order to use the minimum amount of material able to bear a specific systems of loads ("what the material wants to be"). It is a strategy which pursues an actual and measurable optimization. Another interesting research is that related to the so called "smart materials". I refer to the work of Neri Oxman that imagines and fabricates responsive, organism-like, objects (for example, Beast Chair): "Imagine a chair that moves when you move, that adjusts to every muscle in your body, that responds like a living organism...a chair kind of like a really excellent lover". These perspectives require, of course, a profound renewal of design education. ///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////> 6- IT: SECONDO TE L'ARCHITETTURA PARAMETRICA CHE USA FATTORI AMBIENTALI PER CREARE FORME E PROGETTI IN ARMONIA CON L'AMBIENTE, PUO' ESSERE UNA POTENZIALE RICERCA PER IL FUTURO? I progettisti possono desumere dalla natura alcuni principi di organizzazione ed ottimizzazione che consentono di realizzare edifici più efficienti ed economici. Possono, inoltre, avvalersi di software avanzati in grado di gestire simultaneamente una grande quantità di dati e processarli in modo da ottenere il miglior compromesso tra le variabili di un determinato sistema. Questo rappresenta semplicemente il primo tassello di un sistema di scelte complesse che conduce ad un’idea di armonia con l’ambiente, e coinvolge materiali, tecniche costruttive, gestione del costruito. Questo atteggiamento positivista dovrebbe tuttavia eludere la pericolosa seduzione della “progettazione automatica” che finora ha prodotto meccanismi piuttosto che architetture e, pertanto, non ha avuto la forza di imporsi come metodo virtuoso. Sono convinto che l’architettura, anche nel rapporto con l’ambiente, dovrà continuare a confrontarsi con contenuti non quantificabili, simbolici, ancestrali che potranno essere “risolti” sempre e solo dalla sensibilità dell’uomo.////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////> 6- EN: DO YOU THINK THAT THE PARAMETRIC ARCHITECTURE -WHICH USES ENVIRONMENTAL FACTORS TO CREATE FORMS AND PROJECTS THAT ARE IN SYNERGIES WITH THE ENVIRONMENT - MAY BE A POTENTIAL ISSUE OF RESEARCH FOR THE FUTURE? Designers may refer to nature to deduce principles of organization and optimization that allows us to make buildings more efficient and sustainable.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
They can also relies to advanced software able to simultaneously manage a large amount of data and process them in order to get the best compromise between systems' variables. This is the first step of a complex path that lead us to a new idea of sustainability that involves materials, construction techniques and built-environment managing. This positivist approach should avoid the dangerous seduction of the so called "automatic design" that produced, so far, just mechanisms rather than architecture and therefore wasn't able to stand out as a proper method. I think that architecture, especially regarding its relationship with environment, should deal with ancestral, symbolic contents which can be "solved" basically by human feeling. ///////////////////////////////////////> 7- IT: OLTRE ALL'AMBIENTE, UN PUNTO DI FORZA DELLA TUA RICERCA PUò ESSERE LA COLLABORAZIONE INTERDISCIPLINARE CON I FASHION STYLIST. QUANTO E COME COLLABORANO DUE MONDI DIVERSI COME MODA E ARCHITETTURA? Fashion stylists e computational designers hanno recentemente trovato un terreno di "incontro" comune e, per certi aspetti neutrale, nell'ambito della ricerca formale d'avanguardia. I primi in cerca di nuovi linguaggi, i secondi aperti a nuove contaminazioni ed animati dal desiderio di implementare le tecniche digitali e le tecnologie di stampa tridimensionale. Il denominatore comune di questi esperimenti è stato finora il carattere libero e visionario dei progetti, supportato da esecuzioni fedeli al concept iniziale che ne hanno amplificato la forza espressiva. Nonostante i contorni sfumati ed imprevedibili di tale connubio, non è difficile immaginare un nuovo percorso nel campo del fashion design che sarà in grado di recepire velocemente l'innovazione tecnologica legata alle tecnologie di stampa tridimensionale. Non è da escludere, inoltre, la possibile nascita di nuove figure professionali in grado di controllare le fasi di sviluppo digitale della forma e la stampa 3D unite ad una profonda conoscenza del mercato, del marketing e dei meccanismi imprenditoriali. Una formazione specialistica è fondamentale poiché, non illudiamoci, non è sufficiente stampare un oggetto 3D dalla forma toroidale per creare un anello o un bracciale che possa conquistare il mercato! Il rischio degli “sconfinamenti territoriali” può essere, paradossalmente, proprio l’autoreferenzialità. Nell'ambito del progetto NU:S (promosso dall’agenzia Double con la direzione artistica di Antonella Buono) la volontà di tradurre l’estetica dell’architettura parametrica in un “oggetto indossabile” ha portato allo sviluppo di un prototipo di calzatura che ha visto, da un lato, l’esperienza ed il contributo creativo dello shoes-designer Alessio Spinelli, dall’altro il know-how tecnico di Maurizio Degni e del sottoscritto. L’obiettivo è consistito nell’introdurre tecnologia nel metodo creativo di Spinelli senza influenzarne sostanzialmente la radice espressiva, offrendo nuovi sistemi di esplorazione della forma e tecniche di prototipazione rapida che consentissero un passaggio diretto dall’idea al modello fisico.///////////////////////////////////////> 7- EN: BEYOND THE ENVIRONMENT, A HIGHLIGHT OF YOUR RESEARCH CAN BE INTERDISCIPLINARY COLLABORATION WITH FASHION STYLISTS.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
TO WHAT EXTENT AND HOW DO TWO DIFFERENT WORLDS LIKE FASHION AND ARCHITECTURE COOPERATE? Fashion stylists and computational designers recently found a common ground within the avant-garde research. The former with the ambition to find new languages, the latter open to new influences and animated by the desire to implement techniques and technologies of 3D printing. The matrix of these experiments has been characterized so far by an open and visionary temper. Despite the indefinite boundaries of such a bond, it is not hard to imagine a new path in the field of fashion design that will be able to quickly implement technological innovation related to 3D printing technologies. It is likely the emergence of new professions able to control the overall stages of digital making combined with a profound knowledge of marketplace and commercial strategies. A specialized training is critical because, just as an example, it is not enough to print a 3D object from a toroid shape in order to create a ring or a bracelet that can capture the market! As part of the NU:S project (promoted by Double agency under the art-direction of Antonella Buono) the aim to translate the aesthetics of parametric architecture to a wearable object led us to a shoe prototype which is the result of the creative contribution of the renowned shoes-designer Alessio Spinelli and the technical expertise provided by Maurizio Degni and myself. The objective was to introduce technology into the creative method of Spinelli without affecting substantially his style. Moreover we used new systems that allowed us to explore complex shapes and implement rapid prototyping techniques able to move from the idea to the actual object.///////////////////////////////////////> 8- IT: ULTIMA DOMANDA: si stanno sperimentando nuove proposte per costruire su Marte o sulla Luna. Ma al di la di queste grandi sperimentazioni pensi che tramite le Stampanti 3D e altre macchine a controllo numerico possiamo risolvere grandi problemi sociali come la costruzione di case in paesi in via di sviluppo? Per esempio l’Africa. Quali sono le idee più interessanti o più convincenti che hai incontrato e quali, secondo te, possono essere per il futuro? Sono convinto che la sperimentazione avanzata di tecniche e tecnologie costruttive avrà ricadute positive in ambito sociale ed in un settore complesso come quello edilizio. Penso a due direzioni principali. La prima è legata all'utilizzo di tecnologie evolute come quella D-Shape sviluppata da Enrico Dini in grado di trasformare la sabbia locale in roccia con la conseguente possibilità di stampare interi edifici in poche ore, sulla terra o sulla luna. E’ evidente che siamo al cospetto di un’innovazione che potrebbe cambiare radicalmente il modo di progettare l’architettura e che risulta perfettamente complementare alle nuove tecniche di modellazione parametrica.

© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi
Una seconda direzione, parte da recenti studi sul digital form finding, condotti da ricercatori come Philippe Block che, all’ETH di Zurigo, ha messo a punto una tecnica computazionale per sviluppare superfici free-form che escludono sforzi di flessione e, pertanto possono essere realizzate con materiali fragili come la pietra: in altre parole, la possibilità di realizzare forme complesse ricorrendo a materiali tradizionali.///////////////////////////////////////> 8 - EN: LAST QUESTION: I think that advanced experiments and fabrication technologies will have a positive impact for social housing and, in general, for the building industry. I see two main directions. The first one is related to innovative building technologies such as D-Shape developed by Enrico Dini able to convert sand into rock, resulting in the possibility to print entire buildings in a few hours, on earth or on the moon. This is a revolution that could radically change the way we design the architecture, a way that is perfectly complementary to the parametric modeling. A second direction is investigated by researchers like Philippe Block (ETH Zurich) who has developed a computational technique to develop free-form surfaces that exclude bending stress and therefore can be realized using fragile materials such as stone: in other words, the possibility of creating complex shapes using traditional materials..


Design team:
Arturo Tedeschi (1979), architect, independent researcher and computational designer, since 2004 complemented professional practice in Italy with a personal research on parametric design, focusing on relationships between architecture and new design tools. In 2010 he published “Parametric Architecture with Grasshopper”, a bestseller book on parametric design, now in its second edition and translated in english. In the same year he has cooperated with Zaha Hadid Architects in London. In 2011 he founded A > T a cloud based office which collaborate with talented architects, designers and artists. He’s currently director and teacher of a series of workshops on parametric design and he has been an invited lecturer at universities and conferences. From 2012 he is co-director, with Lorenzo Vianello, of the AA Rome Visiting School for theArchitectural Association School (London). In 2012 he designed, with Maurizio Degni, a parametric installation within the Cloister of Bramante, in Rome, for the NU:S project by Double agency. Within the same event has been involved – together with Maurizio Degni – in the computational design of the celebrated NU:S Parametric Shoes (shoe design by Alessio Spinelli), a project that pushed-up the boundaries of 3D printing applied to fashion design.


Status:
Completed






© FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi © FORMAKERS Interviews: Arturo Tedeschi

Comments

No comments